Le spumilie sono dei dolci a base di albume e zucchero. Sì, si tratta proprio delle meringhe. Di sicuro vi sarà capitato di vederle nelle vetrine di pasticcerie e bar a Venezia, ma non in misure normali, poco più grandi di una noce, bensì più grandi, in cui una a fatica entra nel palmo di una mano. Gli ingredienti e i procedimenti per preparare le spumilie sono pochi, ma bisogna fare attenzione alla temperatura del forno e alla cottura.

Vi serviranno gli albumi di 4 uova e 200 gr. di zucchero a velo. Ricordate di utilizzare le uova a temperatura ambiente. Per prima cosa separate i tuorli dagli albumi facendo attenzione a non rompere il tuorlo. Con la planetaria o semplicemente con le fruste montate gli albumi a neve ben ferma, aggiungete poi lo zucchero setacciandolo. Mescolate delicatamente dal basso verso l’altro, di modo che il composto non si smonti. Disponete l’impasto ben distanziato in una teglia da forno utilizzando la sac à poche oppure due cucchiai. Spesso le meringhe che si trovano nelle pasticcerie o nei bar hanno forme “grezze”, e non a ciuffi ben disegnati. Infornate a 100°C e fate cuocete per 30 minuti con lo sportello un po’ aperto.

Potete servire le spumilie come dolce leggero a fine pasto, presentandole attaccate una all’altra da del cioccolato fondente. Oppure le potete utilizzare nella preparazione di altri dolci come la meringa, o ancora per decorarli (sulla cheesecake ai frutti di bosco). A me piace abbinarle al gelato: sul fondo della coppa mettete dei pezzettini di meringa e del topping al cioccolato fondente, e poi il gelato.

Un paio di consigli:

  • In cucina non si butta niente, quindi con i tuorli che non utilizzate potete preparare gli essi buranei
  • Potete anche preparare la versione colorata utilizzando del cacao, menta o amarena, oppure dei coloranti (meglio quelli in polvere).

Immagine di copertina di Point of Jane