L’autunno porta con sé tanti ortaggi che arricchiscono i menù dei ristoranti

L’autunno è una stagione che porta con sé tanti ortaggi che arricchiscono i menù dei ristoranti con colori e profumi nuovi (qui troverete qualche spunto). E allora spazio a cavolfiore, carote (che ormai si trovano tutto l’anno), porri, cavolini di Bruxelles, barbabietole, zucca, broccoli e radicchio. Se volete preparare una ricetta con una verdura coltivata nella zona della laguna di Venezia, perché non cucinare un risotto con il radicchio di Chioggia?

Allora, oltre ai classici ingredienti per preparare il risotto, cioè riso (Arborio o Carnaroli sono ideali per i risotti), del vino (io uso quello bianco), cipolla e del brodo vegetale; procuratevi il radicchio rosso di Chioggia. Poi, se volete renderlo ancora più gustoso, aggiungete anche salsiccia e noci.

Per prima cosa tagliate il radicchio a listarelle. Poi, come per tutti i risotti e per la maggior parte di ricette, preparate un soffritto semplice con olio extravergine d’oliva e cipolla tagliata fine (se volete cucinare il risotto con la salsiccia, questo è il momento per aggiungerla, magari utilizzando un po’ meno olio). Una volta che la cipolla si è imbiondita, aggiungete il riso e fatelo tostare facendo attenzione a non bruciare la cipolla. Aggiungete poi il radicchio, mescolate e sfumate con mezzo bicchiere di vino. Iniziate ad aggiungere il brodo volta per volta fino a che il risso è cotto al punto giusto. Spegnete il fuoco e aggiungete una noce di burro per mantecare, infine aggiungete qualche noce tagliata grossolanamente.

Un paio di consigli:

  • Per il soffritto, la grandezza ideale del trito della cipolla è la stessa dei chicchi di riso
  • Se preparate il risotto con il radicchio per poche persone e vi avanza del radicchio già tagliato, cuocetelo in una padella con un filo d’olio, sale e pepe a fiamma bassa, prima con il coperchio e poi toglietelo per far evaporare l’acqua

Immagine di copertina di Giulia Ballarin